Natale - Associazione «L’AIRONE: tra voli di poesia»

Logo aironepoesia
Vai ai contenuti

Natale

Tematiche
Benvenuti e un Augurio a Tutti di un Buon Natale.

Questa è la nostra pagina dedicata alle Vostre poesie.

Il Canto dell'Alba
Accovacciata in questa grotta
nell’angolo di sempre,
con gli occhi scavati
a fissare le pareti del tempo,
incontro il pallore del tuo sguardo, Maria,
mentre vibra l’ultimo tuo grido
sopra un consunto giaciglio di paglia.

Nella notte, i casolari, spettatori muti,
sonnecchiano tra muschi inumiditi,
mentre serpeggia il fumo tra le greggi
e il mondo urla la sua solitudine
a Te che ascolti i sussurri più segreti.

Ma tra sipari di nebbia e di preghiere,
nel pizzicare angelico d’arpe dorate,
un nuovo vagito intona instancabile
il canto dell’alba.

(Nadia Zanini)


Auguri di Natale 2013
La Tera nel Cor
Son cresua rento un grombial ingropà
sora la schena de me mama
gò imparà a conosar le stajioni
sentendone  i'odori.

Da soto un codego de erba noa.
in do le man rimisia le slòte  frole
e le galine le fa festa
l'umida tera intrisà de muscio se risvea.

Chel profumo de fien seco
sul colmo del'istà
che  la calda baesela
caresandolo la ga robà.

De clinto mostà coi piè
da noaltri buteleti
sbecolando un po' de ua
aspetando la potona.

El profumo de legna bona
brusà sul camineto
e intanto fora la calinverna
tuto la sbiancava.

Ma l'odor pìasè belo
l'era chelo de me mama
de un fasol streto in sen
par sugarme dal sudor.

Polvar, tera, de tuto ghèra
calche lagrima
calche caramela
tuto rento visin al cor.

(Isabella Cottarelli)

Vorìa contarte
Vorìa contarte
de do trezine despetenè
sempre in vià saltar,
le trezine de  l’ultima de la coà.

Voria contarte
de ‘na note  cuerta da magìa,
sconta tra la nebia dei sogni,
ma cantà dal campanel
de l’alegria
che fasea vegner
i sgrisoloni al cor,
e la paura né i zenoci,
streta fra  du cori
de sapienza
de me sorele
e la ridarèla de me fradei.

Vorìa contarte
de tuto el tempo sognà
à... strolicàr... à spetàr... à sperar,
de ‘na note
sognà senza dormir
e de ‘na gioia imensa, granda
che, incantesimà dal spaento
de Santa Lucia
e da un ropèton del tempo
la ‘na fato deventar grandi,
grandi sì,
ma ancora con la gioia
de spetarla, de sognarla.

(Eleonora Masini)

El me Presepio
El parfumava de farina e mus-cio
el me Presepio

Quatro stèle incrosè fasea da monte
da in do spontàa do casete nane
a l’ombria de calche pin e, calche palma
pa ricordar le tère de l’oriente;

a val, giarin de Adese disegnàa el sentier
che, a bissaboa portàa verso la stala
segnandoghe la strada a i tri pastori
siori, de na cóa de pegorete

na calche d’una, sopa, la ponsàa
torno el lagheto lustro de stagnola
in do navegàa i cigni co le ochete;

pi ‘n su da riva: el pósso, romai sbindà,
e la doneta co’l so secéto en testa che,
ogni ano la vardàa verso ‘l fornaro, perso
a ciacolar co l’osto che menàva la polenta;

a sveiar el tempo ghe pensàa ‘l feraro
“No stè inmamàrve” El ghe disea a la gente
“ L’angiolo za ‘l dindola de sora
e la Madona, giutà da ‘l so Giusepe,
co grando amor  l’à preparà la cuna ”

No ghèra luminarie al me présepio ma,
da la finestra sfresàa l’arfio de la luna
a darghe el ciaror de la cometa

E mi, nel cucio caldo del letin, sognàa
ch’el me presépio el ciapasse vita...
come la vita nóa che portàa ‘l Butin

(MariaRosa Zampieri)

Darente a Ti
In mezo a ’sto mondo rebaltà
che ghe sia ancora un postesin
par El Signor che vien da lontan,
el caro Gesù Bambin ?

Con el cor e la fantasia
come un pastor son partia
par monti bianchi e val
caminando ingrotolia.

Fra poco l’è Nadal
e sercando la To cuna
soto un tabar de stele
me son fermà a pregar.

Gesù,
anca se no Te cato,
scolta la me preghiera,
la preghiera de ’n’anima
che serca un po’ de calor
nel fredo de la sera.

Voria strucar
la me man ingiazà
con le Tue calde e picenine
par poder ancora sperar
e la nina nana a Ti cantar.

La To capana
no son riussìa a trovar
ma drento nel me cor
un posto ò preparà
par scaldarme nel To amor
che solo e sempre el consola
e cossita, darente a Ti
no me sentarò più sola.
    
(Graziella Fossà)

Santa Lucia
O Santa Lucia,
O bella, cara Santa,
dei miei anni felici,
tu che tante volte
nel passato mi desti gioia
con una palla colorata
o con un sacchetto di dolci,
tu che ancora adesso
porti doni e gioia
ai nostri bambini,
io, non più bambino,
io, vecchio rattristito,
un’ultima cosa
a te vorrei chiedere:
dammi il grande piacere
di amare ancora
e di essere amato,
dammi la felicità
di far sbocciare
un sorriso sereno
su di un volto
sempre addolorato.

(Giuseppe Masini)

Auguri di Buon Natale
Parlerò con te
E’ una serata di pioggia
ed io
parlerò con Te.

Maria, Donna
come tutte noi
hai sofferto
hai amato
hai donato la vita...
un dolore ti  ha trafitto l’anima.

Tu, che hai bussato al cuore
di ognuna di noi
illuminaci di Luce,
rischiara il sentiero
da percorrere
per giungere fino
al tuo pensiero,
che nessuna mano lo possa oscurare.

Ogni cuore allora aprirà l’uscio
che porta alla Via,
una mangiatoia, troveremo
illuminata dal bagliore sfolgorante
della Stella
in cui deporre la nostra vita
e finalmente
accogliere la Pace.

(Eleonora Masini)

El me Nadal
No' voi che 'l me Nadal
el ghe someja
a quatro falìe magre,
striminsìe
sensa oja né de cel né de tera
né de tempo.
Voi che nel pensier ressussita
el Gloria
co i angeli compagnè
da un sifolòto.
Voi guardar ancora el presepio
fato sul bufeto vecio.
Lì gh'è la Sacra Fameja,
la smaraveja:
la rosa de la vita
la strada sensa sassi
la strissia slusenta.
E par le ponte de i spinari,
brochete de stele
par farli deventar
àlbari de Nadal.
Na fola vera!

(Marta Vaccari)

albero natale
Vagito
Scivola lo sguardo della sera
sopra l’ultimo abbaglio di neve,
nell’ ora spoglia
solo il volo di un pettirosso
scolpisce il profilo dell’aria.

Sbiadiscono lenti i colori
tra cespugli di pensieri
unica certezza
l’ abbraccio di un sogno
nell’agonia di una notte
di cristallo.

Ma, arrampicat0
ai cancelli dell’anima,
resiste  ancora
quel Messaggio d’ Amore
e, dal pianto buio del silenzio,
si sottrae nuovamente
il bianco vagito di una Primula.

(Nadia Zanini)

Natale
In questa Notte Santa
in cui si svela,
in una stalla, il Mistero
vorrei un mondo
più chiaro e sincero...

Vorrei che le genti
preparassero una culla
fatta con i semplici
gesti dell’Amore
per sentire quel profumo
povero di paglia
ed il calore
del fiato che riscalda;

Vorrei vedere
la luce della stella
tra le mura
di freddi grattacieli
e sopra cime aspre
di poteri;

Dalla Tua capanna,
si diffonda, come allora,
la gioia della pace,
della speranza, dell’amore
e, con te Signore,
la forza di donarli
ad ogni cuore.

(Graziella Fossà)

Carezza Bianca
Pare sperduto l'orto
ricoperto da un manto
leggero di neve.
Soltanto qualche orma
sulla bianca coltre e
un alto pino,
muto personaggio
che svetta
sulla nudità del cielo.
Accolgo, come carezza
lo stormir delle fronde
generose,
a terra adagiano
farfalle di candore.
L'albero,
nel lungo sonno attende
nuova forza
dal sole di domani.
E anch'io, come albero
di neve, allargo le mie
braccia, quale dono.
Attendo
che una Luce in cielo
fenda l'oscurità
e al cuore sussurri:
“Risorgi, il Bimbo è nato”.

(Ines Scarparolo)

Sensa far difarènse
Vorìa on Nadale bianco
co fa l'ànema de on bocia,
farfàe de neve
che zolando le se ingnara
rento de i scùrtoli
de monte inprofumà.

Vorìa che 'a cativeria
chel dì 'a se inpisocàsse
e che, strache de 'ndar torno
le scarpìe del dolore
par senpre 'e se sfantasse.

Vorìa che 'a tera
deventasse na Capana,
gnaro par ti e par mi,
sensa far difarènse
e che i colori de la pele
no i servisse a altro
che a inpiturar de novo
l'arcobaleno de la vita.

(Ines Scarparolo)

Natale 2015
E’ Natale,
Elisa,
e Gesù è tornato.
Trova moltitudini
in fuga da fame e guerre,
confini chiusi
da fili spinati e muri,
slogan di vuota
accoglienza,
rifiuti di ciechi egoismi.
Trova chiusi orizzonti
e cieli grigi.
Solo i bambini gli corrono incontro
con grida festose
sulle orme di Papa Francesco.
Tu, con loro, bucherai
la corazza dell’egoismo
e sfiderai orizzonti aperti
all’incontro.
E’ Natale,
Elisa,
e Gesù è tornato
non inutilmente
per l’uomo smemorato.

(Armando Dittongo)

riga separatore
Nina Nana
Vorìa cantar par TI,
Gesù, stasera
na soave melodia...
na nina nana
e, con la oze zòena
dei butini,
infassar de amor
la To capana.

Vorìa s-ciarar, anca mi,
na s-cianta
el scuro de ’sta Note Santa
tirando fora
l’ultimo lumin dal cor
par impizarlo con na fiama
de Speranza.

Vorìa scaldar
el to corpesin ingiazà
con na coertina
tuta trapuntà
scuncià coi fili duri
de la vita
ma ricamà coi ponti
de la Carità.

Vorìa ciaparte in brazo
e, cunandote un pochetin,
te sussurarìa promesse
insieme a na preghiera
parchè fusse
un pò più calda la to cuna
e deventesse ancor più ciara
la to stela.

(Nadia Zanini)

Có spetàvo Nadale
Roce de carta incolorie
e che’a vòja ingenua de dire:
Xè Nadae!

El muschio rancurà dèdrio de la passàja
la carta blu argento come fóndale.
Lo sentivo nàssare el mistero de la pace.

Sto àno  go çercà Nadàle
su la vóse restà de la me ingenuità,
drènto on camin de çénare e brónze
ormai desmorzà,
t’on vècio ricordo di àni passà,
su la smorfia amara d’on sogno.
Bàte pian el cuore che spèta
la Nòte Santa par sognare,
se ramena t’el çiéo del  pensiero
el penèo – pitore de la speranza.
Forse domàn, péna sirà matina,
sirò anca mi da la parte del siénzio
a çercàre ’e ùltime paróe del coràjo
par fare auguri de pace.

Ricordo la musica, el baticuore,
la frenesia, l’ emozión
de quando toséto spetàvo Nadàle,
co ’e man giunte in preghiera
davanti a ’na cuna de pàja
par védare nàssare Gesù.

(Luciano Bonvento)

Ai miei figli
Pace... rimbalza da un confine all'altro della terra
il messaggio degli angeli nella Notte Santa.

Pace... sussurra il mio cuore
nella ricerca di conferme.

Pace... implorano gli occhi dei bimbi
martoriati dalle bombe.

Pace... pregano le mani delle mamme  
con i figli denutriti in braccio.

Pace... invoca l'esule
smarrito in terre ostili.

Pace... supplicano i giovani
scrutando la Via del futuro.

Pace... scongiura la terra  
offrendosi in tutta la sua generosità.

Pace... non smette il canto degli Angeli
che sempre più rimbomba nella coscienza degli uomini.

O Dolce Maria...
Nel cielo puntuale riappare la stella
per dire a noi tutti,
ricanta la vita…

O dolce Maria figlia di Sion
rallenta la fretta ai passi del tempo
perché questa attesa sia vissuta
in umile prece e conduca ogni cuore
accanto alla culla.

Riaccendi sul mondo la pace desiata
donandoci a tutti un pane sicuro
per essere fratelli di giorni migliori.

A chi vive solo e i passi son lenti
ti prego deh! Guidali con mano amorosa
perché questo Bimbo che torna gradito
ci porti ad ognuno l’amore più vero
così questo mondo confuso nel buio
ritrovi la luce di un vivere buono.

(Cesarina Verona Corrè)

T’o’ çercà
Ancò son partìa
par un viaio de speranza,
ò desligà
el nastro dei ricordi
coi oci de la luna.

O’ srodolà
el rocheto de la vita
e, sul filo del tempo,
ò rivisto
i me Nadai de butina.

O’ guardà quei de ancò...

E  t’ò cerca, Gesù
drento file de capane
e soto le tende piantè
su na tera che trema.

T’ò catà
in mezo a butini ingiazè
e besognosi de  amor.

Drento la valisa
dei me ani
o’ trato la speranza,

L’ e’ Nadal !

(Graziella Fossà)


natale neve
La Leterina
L’era infornia la tòla de Nadal
con la toàja de fiandra ricamà
e i piati bianchi de le feste,
la mama tuta indafarà
la spiociava i biceri de cristal,
la sistemava da novo i toajoi
controlando che no’i fasesse greste.

In un canton, vezin a la finestra,
col vestito rosso de veludo
e un cerchieto de raso fra i cavei,
ridea i òci bei de la butina
fissando el piato fondo del papà
da ‘ndo spiava sconti e smalizià
i quatro cantoni de na leterina.

In testa la ripassava le parole
de la poesia insegnà da la maestra,
che la parlava de pegore e pastori
corsi de note dal Butin par farghe festa,
tuta a memoria la l’avea imparà
e adesso che l’ocasion l’era rivà
drita inzima a la carega grande
davanti a tutti la l’avarìa contà.

L’era musica de possade e de biceri
profumi de carne lessa e pearà,
intanto nel piato fondo del papà
pian pian calava brodo e tajadele:
se vizinava el momento tanto sospirà
par na sorpresa de quele piassé bele,
quando levando dal tuto la fondina
finalmente sarìa spuntà... la leterina!

Verzendo el fojo e lezendo forte le parole,
con un sospiro e la oze che tremava
el papà un pochetin el balbetava,
i se guardava de sfroso lu e la mama
sconta par l’emozion in fondo a la cusina
ma, co i oci lustri, i se imbriagava tuti
del ben che ghe volea la so butina.

(Nadia Zanini)

La Corsa
Oggi  il cielo
è grigio
come uno scarabocchio
di matita…

Tra le ciglia
intrise di pioggia
gocciolano, sfiniti,
gli ultimi colori
dei crisantemi.

Intanto,
nella corsa avida
del tempo,
l’asfalto bagnato
riflette
le luci premature
delle prime luminarie.

(Nadia Zanini)

E' Natale
E' Natale...
Ed è un giorno speciale.
Un giorno da ricordare nel cuore,
con la semplicità di quando si raccoglie un fiore!
Cantiamo tutti in coro...
E suoniamo tante campane d'oro!
E' un giorno per pensare...
E' un giorno per amare!
Da Oriente ad Occidente,
ci sia pace, in tutto il Continente...!
Ed ora guardiamo lassù...
Perchè oggi nasce il bambino Gesù...!
Senza odio e senza guerra,
ma soltanto sorrisi su questa Terra....!
E che possa essere Natale, ogni giorno dell'anno....
Buon Natale e Felice nuovo anno!!!

(Maddalena Manara)

'Na olta ancora
Te ligà ‘na sièrpa
streta atorno al cor
par stofegar
el pianto del silenzio,
par scaldàr,
‘na òlta ancora,
la oze fonda dei ricordi
incadenè a le ombrie
mute de la note.

E te speti...
fra presepi ferìi dal tempo,
fra mus-ci sechi
e nenie che se perde
con la oze del vento.

Soto un quèrto imbriago,
davanti a un bicèr udo,
te speti
che, anca par ti,
nassa ‘na stèla
a carezarte l’anima,
...’na olta ancora!

(Nadia Zanini)

Il Dono
Vigilavo nelle notti buie, eterne
sempre in cerca di una flebile luce di speranza.
Nuvole scure sorgevano sempre all’orizzonte
mai un graffio di sole.
Poi un giorno un sussurro
si levò dalla nebbia
e un " SI " echeggiò tra i cieli.
Il mio cuore riprese il calore
e diede vita alla mia anima pigra.
Ora son qui davanti alla grotta
a ringraziare quella giovane madre
che un giorno accettò
di donarci il "figlio di DIO"

(Isabella Cottarelli)

buon natale
Natale...
Sta arrivando Babbo Natale…
Con le renne e gli stivali…
Tanti doni ha nel suo sacco,
e giù dal camino,
lancerà il suo pacco!
Che sia gioia in ogni cuore,
e che trabocchino d’amore!
Che sia pace in ogni circostanza
e che si accorcino tutte le distanze.
Tanti cari auguri,
anche per i giorni futuri…
Che possa essere sempre Natale,
e che ogni sogno diventi reale!

(Maddalena Manara)

Torna ai contenuti