Eleonora Masini - Associazione «L’AIRONE: tra voli di poesia»

Logo aironepoesia
Vai ai contenuti

Eleonora Masini


Eleonora è la Presidente dell'Associazione, raccogliendo l'eredità ed il testinome di Nadia Zanini.
Per lei scrivere poesia è poter descrivere la magia di un istante, cogliere l’attimo, fermare il tempo in cui, tra emozione e pensiero, il cuore si espone al rischio di essere ferito oppure a custodire una grande gioia.

Fondamentale per l'autrice, la presenza e la passione coinvolgente delle amiche del gruppo, che hanno saputo valorizzare le sue opere evitando così che rimanessero solo parole chiuse nello scrigno del cuore.

Fa parte, inoltre, in qualità di cenacolista del "Cenacolo di Poesia Dialettale «Berto Barbarani»" di Verona.
Proponiamo di seguito alcune poesie di Eleonora premiate o segnalate in concorsi a carattere regionale, nazionale o internazionale.
Par maggiori informazioni, ovvero per ricevere una brochure con ulteriori poesie scrivici tramite la pagina Contatti
Foglio di Luna (a mia madre)
Diafane le tue mani
sottile foglio di luna
la tua pelle
solcata dai viaggi
del fiume blu della vita,
sottili fili blu
che ricoprono e levigano
gli scogli segnati dal tempo.
Sono saggi e sapienti
i tuoi pensieri nascosti.
Le tue mani,
mani leggere
pronte a volare
con una folata di vento,
mani di vita masticata
trattenendo il respiro,
mani da stringere, da ascoltare
da non dimenticare,
mani trasparenti
che raccontano e riflettono
la tua storia.
Ed io
sogno ancora carezze
dalle tue mani.

Eleonora
Luce abbagliante di diamante
Non capisco perché
la mente
intorpidita e tormentata
da voci estranee bisbigliate
precipita nella dolente ferita
con un sottile piacere nascosto
insolente e blasfemo
che gode della nuova sofferenza,
che ricerca e custodisce il doloroso malessere.

Arma la mano il coltello
che con lama affilata
scava e scava.
E ricopre di un velo
tortuoso e cupo
l’infinito destino.

Ti ascolto
intollerabile e piacevole e vellutato dolore.
Sogno nel dolore.
Mi confondo nel dolore.
Volteggio nel dolore.
Che tu sia per me
il diamante
che taglia l’incertezza silenziosa
e con luce riflessa
abbaglia e rimargina
i lembi lacerati di una sanguinosa ferita.

Eleonora
Chiudessi gli occhi
Chiudessi gli occhi
ti vedrei vicina
seduta accanto a lei, a lui…
chiudessi gli occhi
ti vedrei tra loro.
La tua scia illuminante
la luna, ascolta
la vibrazione triste e cupa
di questo dolore,
confuso tra la mitezza del tuo sguardo
e la forza di parole non dette.
Chiudessi gli occhi
ancora ti vedrei
tra loro.
Dalle note indimenticabili
di un violino lontano nell’aria
sgorgano
gocce di lacrime blu,
che scorrono e solcano
la traccia di un ricordo
che mai si cancellerà
e non sapranno spegnere
il fuoco del rimpianto.
Tengo stretto il nodo
tra il tuo sguardo e il mio,
non girare la testa.
Rimani.

Eleonora
Un volo viandante
Frammenti di luce trapelano
dalle argentee foglie increspate,
tra solchi profondi e fenditure
i rami di salice e sambuco
richiamano e attraggono
il cinguettio di un Pettirosso viandante.
Lo ritrovo
tra le note di una filastrocca nascosta,
nel volteggiare limpido e silenzioso
di bolle di sapone e di fiabe
e nell’antico canto che ancora riascolto
tra le memorie di bambina.

Allora …
nel medesimo istante della tua partenza
per il Lungo Viaggio
nel rosso piumaggio di un volo viandante,
ti ho visto  tornare.
Ora …
nei petali di viole pressati del libro
nella sedia ferma immobile e vuota
e nel rosso piumaggio di un volo viandante
ti ritrovo
nella  permanenza e nella fugacità
della  gioia, del dolore, della vita.

(dedicata a mio padre)
Eleonora
Torna ai contenuti